PRODOTTI

Olio Extravergine di Oliva Biologico in Lattina – 0.5L

9.90

Proprietà, confezioni

Olio Extravergine di Oliva: “Az. Agr. San Polo Olio EVO BIO”.

Anno di Raccolta: 2019.

Sistema di raccolta: a mano per brucatura e con agevolatori.

Periodo Raccolta:  nei mesi di Ottobre e Novembre.

Sistema di estrazione: impianto a ciclo continuo.

Densità: fluidità media.

Colore: verde con riflessi dorati.

Profumo: fruttato medio, netto di oliva, con note erbacee di carciofo e di frutta matura ed in minore
intensità di pomodoro.

Sapore: pulito, si apre con una lieve sensazione dolce seguita da una gradevole  e contenuta carica
amara e piccante di lieve intensità.

Impiego: a crudo su insalate, bruschette, pinzimonio, pesce; in cucina ottimo per la preparazione di
sughi, soffritti e per le fritture.

Categorie: ,

Descrizione

Proprietà, confezioni

Olio Extravergine di Oliva: “Az. Agr. San Polo Olio EVO BIO”.

Anno di Raccolta: 2019.

Sistema di raccolta: a mano per brucatura e con agevolatori.

Periodo Raccolta:  nei mesi di Ottobre e Novembre.

Sistema di estrazione: impianto a ciclo continuo.

Densità: fluidità media.

Colore: verde con riflessi dorati.

Profumo: fruttato medio, netto di oliva, con note erbacee di carciofo e di frutta matura ed in minore
intensità di pomodoro.

Sapore: pulito, si apre con una lieve sensazione dolce seguita da una gradevole  e contenuta carica
amara e piccante di lieve intensità.

Impiego: a crudo su insalate, bruschette, pinzimonio, pesce; in cucina ottimo per la preparazione di
sughi, soffritti e per le fritture.

 

Il processo di produzione dell’ olio è costituito da 4 fasi fondamentali:

  • La raccolta delle olive e il trasporto al frantoio;
  • Il lavaggio delle olive e la frangitura;
  • La gramolatura della pasta di olive;
  • L’estrazione dell’olio.

La raccolta
La raccolta normalmente avviene tra la prima metà di Ottobre e gli inizi di Dicembre. Il momento migliore per iniziarla è quando le olive cominciano a cambiare il proprio colore da verde a rosso violaceo (invaiatura). Le olive possono essere raccolte a mano oppure con mezzi meccanici

Lavaggio e frangitura
Una volta entrate nel frantoio, le olive vengono pesate, liberate dalle foglie tramite un aspiratore e lavate con mun getto di acqua corrente fredda in una sorta di lavatrice che allontana eventuali residui di terra, polvere o antiparassitari superficiali che comprometterebbero la qualità dell’olio Dopo il lavaggio le olive vengono introdotte nel frangitore. Il processo di frangitura consiste nel macinare la polpa e il nocciolo delle olive per ridurle in pasta. In questa fase è della massima importanza calibrare il frangitore a seconda dello stadio di maturazione delle olive. La molitura è la prima fase di estrazione vera e propria, qui viene rotta la struttura cellulare e delle membrane delle olive mediante mezzi meccanici. In questa fase si ottiene la pasta d’olio, un composto semifluido formato da una frazione solida (costituita da noccioli, bucce e polpa) e da una liquida (un’emulsione di acqua ed olio).

La gramolatura
In questa fase la pasta di olive viene mescolata continuamente in modo da permettere alle gocce d’olio di coagulare per poter essere estratte, ed è di fondamentale importanza il controllo delle temperature e dei tempi di mescolatura. Per garantire un olio di qualità e preservare la quantità di polifenoli, tale operazione avviene a bassa temperatura non deve scendere sotto i 27°C né al di sopra dei 30°C ed in vasche chiuse ermeticamente in modo da eliminare gli scambi con l’ossigeno dell’ambiente.
Un altro elemento fondamentale è la durata che può variare tra i 20 ed i 40 minuti ma non deve superare i 60 in quanto lavorazioni più lunghe non apporterebbero alcun beneficio, incrementando invece lo stato di ossidazione della pasta d’olio

Estrazione dell’olio
La produzione dell’olio di oliva extravergine (EVO) si basa esclusivamente su processi di estrazione meccanica. Per l’estrazione dell’olio EVO le olive precedentemente sottoposte a processo di gramolatura sono sottoposte ad un processo di pressatura. La pasta di olive viene posizionata in strati alternati da fiscoli su appositi carrelli. I fiscoli sono supporti di metallo, di fibra vegetale o sintetica che sostengono la pasta di olive. La pressatura consente di separare la parte liquida, composta da olio ed acqua, dalla parte solida della pasta. Quest’ultima, chiamata sansa, è quella che resta nei fiscoli e contiene ancora una certa quantità d’olio (olio di sansa) Anche in questa fase è fondamentale il controllo dei tempi di lavorazione e le temperature. La parte liquida estratta viene chiamata “mosto oleoso”. Da questo mosto l’olio viene estratto attraverso apposite centrifughe dotate di uno speciale dispositivo che evita che l’alta velocità di rotazione riscaldi l’olio compromettendone la qualità. Il lavoro delle centrifughe elimina la quasi totalità dell’acqua presente nel mosto.
L’olio che deriva da questa lavorazione è torbido per la presenza di micro gocce di acqua e di parti di frutto (morchia) residue. Il suo sapore, pertanto, sarà più deciso e intenso. Stoccaggio A questo punto il prodotto ottenuto è pronto per il consumo ma contiene residui solidi e si presenta torbido alla vista. Per questo se non deve essere commercializzato immediatamente viene conservato in contenitori d’acciaio in un’atmosfera contenente azoto (per prevenire l’ossidazione) in modo che i residui solidi si depositino spontaneamente.

Informazioni aggiuntive

Peso0.5 kg
Dimensioni4 × 2 × 1 cm

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Olio Extravergine di Oliva Biologico in Lattina – 0.5L”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *